PDCI-Ancona

il Blog dei comunisti italiani, sezione “Tina Modotti”

Archivi per Ottobre, 2008

ANCONA - MAREA DI STUDENTI IN PIAZZA

Venerdì, Ottobre 31st, 2008

Giovedì 30 ottobre. Nella giornata dello sciopero nazionale dei sindacati confederali della scuola e della straordinaria<!--enpts-->ancona30-10-08-045.jpg<!--enpte--> straripante manifestazione di Roma di un milione di lavoratori docenti e precari, gli studenti delle scuole superiori di Ancona si sono auto organizzati e su iniziativa del collettivo Metropolis sono scesi per la prima volta in piazza, in gran numero. Per manifestare anch’essi contro la demolizione della scuola pubblica da parte del governo Berlusconi e della ministra Gelmini, contro i tagli e la privatizzazione.

Hanno partecipato anche gruppi di studenti delle Università cittadine, che stanno preparando una manifestazione per il 5 novembre specificamente contro i tagli alla ricerca e la prospettiva della privatizzazione delle Università, attraverso la trasformazione in Fondazioni di diritto privato, a cui è stata spianata la strada dal DL 112, poi Legge 133, approvato da un Consiglio dei Ministri di 9 minuti e mezzo.

Contro il Decreto Gelmini convertito in legge dalla maggioranza PDL-Lega nonostante la sollevazione del mondo della scuola, e contro la Legge Tremonti 133, la lotta continua fino alla loro abrogazione..

Si tolgono soldi alla scuola, si sopprimono 130mila posti di lavoro in tre anni, si riportano le elementari agli anni del maestro unico e delle classi differenziali, perché allo Stato mancherebbero i soldi e bisogna fare cassa. Però si è voluto sgravare dell’ICI a<!--enpts-->ancona30-10-08-067.jpg<!--enpte-->nche i proprietari di ville, si accollano allo Stato i debiti Alitalia per cedere agli amici di cordata la parte buona dell’azienda, si aumenta di 3 milioni la spesa per la guerra in Afghanistan con l’invio di 4 nuovi aerei da guerra, e si promettono ingenti risorse per l’aiuto alle banche in difficoltà per le loro avventate speculazioni.

La lotta per la difesa e il rilancio della Scuola pubblica, la Scuola di tutti, è anche lotta per una prospetitva diversa di sviluppo, al servizio dell’uomo e non della speculazione e del profitto. E’ in gioco l’avvenire dei giovani, il futuro del Paese.

E’ uscito “Il Faro di Ancona”

Mercoledì, Ottobre 29th, 2008

E’ uscito “Il Faro” di Ancona

numero unico a cura del Gruppo consiliare comunale del Partito dei Comunisti Italiani.

Ricostruisce la storia dell’ex Metropolitan e la recente votazione in Consiglio comunale, dove la maggioranza ha respinto le posizioni del PdCI per la salvaguardia della sala spettacolo prevista dal vigente PRG, aprendo la strada alla variante richiesta dalla proprietà di Edoardo Longarini.

Il giornale tratta altri temi di interesse locale e generale, come la crisi finanziaria in atto, e solidarizza col movimento di lotta degli studenti, docenti e genitori in difesa della scuola e dell’università pubblica. Il giornale è consultabile ….

il-faro-2008.pdf

La grande e bella manifestazione di Roma. Si apre una fase nuova

Lunedì, Ottobre 13th, 2008

<!--enpts-->roma-11-10-08-006-small.jpg<!--enpte-->

Roma 11 ottobre. Grande e bella manifestazione: 300 mila partecipanti, tantissime bandiere rosse, soprattutto dei comunisti italiani e di rifondazione mescolate insieme, moltissimi giovani. Giornata dell’orgoglio comunista e della riscossa dell’opposizione di sinistra al governo Berlusconi, dimostrazione che la Sinistra c’è, se ci sono i Comunisti. Grande e bella manifestazione, anche se oscurata da una TV ormai sempre più ridotta a strumento di propaganda e di censura al servizio dell’unico padrone. La stessa questura di Roma, dopo aver comunicato la sua valutazione di 100 mila manifestanti, ha ridotto “curiosamente” in serata a 20 mila!

Partecipazione straordinaria comunque, al di sopra delle più ottimistiche aspettative e speranze.

Si chiude la fase del ripiegamento, dell’elaborazione del lutto dopo la sconfitta elettorale dell’Arcobaleno. E si apre una fase nuova, di riscossa, opposizione, lotta.

Il governo di destra, come era scritto nel cartello di un manifestante, “con l’imbroglio e con l’inganno all’Italia reca danno”. incontra però sempre più difficoltà a confondere l’opinione pubblica. I fatti di questi mesi parlano da soli. Tagli alla scuola come mai dall’unità d’Italia; le Università consegnate a fondazioni private, solo che sia d’accordo il senato accademico; il “tesoretto” con cui si dovevano abbassare le tasse su salari e pensioni volatilizzato; si accolla alle famiglie italiane (mediamente 300 Euro) il debito Alitalia, svendendo alla cordata di amici la parte buona dell’Azienda; nelle pieghe di decreti sfornati a raffica, si introducono misure indecenti per proteggere disonesti e responsabili di bancarotte.

Si annuncia per le elezioni europee una legge che abolisce le preferenze e introduce lo sbarramento al 5%, per eleggere propri trombati e accaparrarsi seggi altrui.

Di fronte alla grave crisi economica in atto invece di finalizzare le risorse per investimenti produttivi, sviluppare l’occupazione, migliorare le condizioni dei lavoratori e rilanciare i consumi, si offrono soldi e garanzie per coprire i buchi delle banche private.

La manifestazione di Roma ha mandato un segnale forte, dicendo che ci vuole una forte opposizione popolare e di massa, che serve per l’unità della sinistra un forte Partito Comunista.

Altro che “comunismo indicibile” come va discorrendo Bertinotti con Bruno Vespa, meritandosi la sonora contestazione dei giovani comunisti romani. I fedeli Giordano e Vendola si sono voluti dissociare coi loro sostenitori dalla maggioranza del PRC per manifestare con Fava dietro le bandiere di Sinistra democratica, inseguendo il progetto già fallito nei fatti di un partito di generica sinistra, appendice del PD.

I militanti di SD che hanno positivamente rifiutato la scelta del PD dovrebbero con onestà intellettuale riflettere che il PD è solo l’ultima creatura partorita dai trasformisti che vollero sciogliere il PCI, e che è lì l’origine di quella girandola di infinite mutazioni, da PDS a DS a PD, tipiche di chi non si dà pace perché rimasto senza identità.

Un sondaggio dell’Istituto Vilfredo Pareto, di metà settembre, pubblicato da “La Rinascita della Sinistra” del 9 ottobre, rivela che Comunisti italiani e Rifondazione se si presentassero insieme alle prossime europee guadagnerebbero già nelle intenzioni di voto un punto e mezzo rispetto all’Arcobaleno. Ma la cosa più interessante dell’indagine è che il 67% degli intervistati ritiene negativa l’assenza dei comunisti dal Parlamento. Il comunismo non solo è “dicibile”, ma è presente nella memoria nel Paese più di quanto pensino i soloni pentiti della sinistra; ed è riconosciuto anche tra gli avversari il grande contributo che i comunisti italiani - da Gramsci e Togliatti a Berlinguer -, hanno dato per la crescita dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e per il progresso del nostro Paese.

per un’altra Italia, un’altra Politica - ROMA sabato 11 OTTOBRE

Sabato, Ottobre 4th, 2008

Le politiche aggressive del Governo di centrodestra, sostenute dalla Confindustria, disegnano un’Italia dove pochi comandano, in cui il lavoro viene umiliato e mortificato, nel quale l’emergenza è evocata continuamente per giustificare la restaurazione di una società classista razzista e sessista. Si vuol fare dei poveri, dei marginali e dei differenti, i nemici. Si nega loro e ai migranti, il riconoscimento dei diritti di cittadinanza.

Solo un deciso mutamento del modello economico oggi operante può risolvere problemi drammatici indotti dal tracollo finanziario del liberismo capitalista e dalla crisi ecologica planetaria, problemi di offesa alla dignità del lavoro, di precarietà, di insicurezza, di restrizione degli spazi di democrazia.

MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER

 

· riprendere un’azione per la pace e il disarmo di fronte a tutti i rischi di guerra;

· imporre su larga scala un’azione di difesa di retribuzioni e pensioni falcidiate dal caro vita;

· respingere l’attacco alla scuola pubblica, all’Università e alla ricerca, al servizio sanitario nazionale, ai diritti dei lavoratori e alla contrattazione collettiva; Leggi tutto il post »