PDCI-Ancona

il Blog dei comunisti italiani, sezione “Tina Modotti”

Archivi per Febbraio, 2010

NON SPACCA, MA UNISCE, MASSIMO ROSSI PRESIDENTE DELLE MARCHE

Domenica, Febbraio 14th, 2010

SPACCA E IL PD hanno SPACCATO IL CENTROSINISTRA che da quindici anni governa nelle MARCHE , piegandosi al ricatto dell’UDC PER UNA SVOLTA MODERATA E ANTICOMUNISTA NEL GOVERNO DELLA REGIONE MARCHE.

Il 21 dicembre 2009 il PD e Spacca hanno sottoscritto con tutte le forze di sinistra un accordo per la riconferma della coalizione di CENTROSINISTRA che ha governato le Marche,  valutando “positivamente l’esperienza svolta del Governo regionale nel corso di questa legislatura, in termini sia di unità e coesione della coalizione di centrosinistra, sia di risultati e realizzazioni a favore della crescita sociale, economica e ambientale delle Marche”.

Sono stati affissi grandi manifesti elettorali con i simboli di tutta la coalizione, è stata avviata una campagna di ascolto insieme.

E’ passato un mese appena o poco più, e SPACCA E IL PD buttano tutto all’aria, si accordano con L’UDC SUL SUO TERRENO PROGRAMMATICO E POLITICO.

LA STESSA UDC e gli stessi personaggi CHE  IN MOLTI LUOGHI DELLE MARCHE SOSTENGONO UN PROGRAMMA DI DESTRA, che GOVERNANO CON BERLUSCONI LA PROVINCIA DI MACERATA!

UN VOLTAFACCIA E UN’OPERAZIONE DI TRASFORMISMO SPUDORATI E ALL’ENNESIMA POTENZA!

Sul “Messaggero” del 12 febbraio Spacca ha spiegato che sono state “le segreterie nazionali” a Roma – a cui egli supinamente si è piegato - ad imporre come  “ineludibile per le Marche”, l’accordo con l’UDC, e che l’UDC per accordarsi ha preteso: “O l’accoglimento integrale dei punti programmatici proposti dall’Unione di Centro. O l’assenza, nella coalizione dei simboli riconducibili al comunismo”.

E si capisce perché: senza i comunisti, l’UDC sa bene che il programma scritto è una pura formalità e che non avrà difficoltà ad imporre i propri contenuti ad alleati già ora subalterni e proni alle proprie condizioni.

SPACCA ammette di essersi piegato senza uno scatto di dignità alle segreterie romane e ai ricatti dell’Udc,  mettendo in secondo piano la continuità del buon governo e gli interessi dei marchigiani.

E si è sottomesso allo “stratega di Colbordolo”, il segretario regionale del PD, che ha rivelato doti insuperabili di CINISMO ARROGANZA E SUPPONENZA, conservando di sinistra ormai soltanto la vaga somiglianza fisica con Lenin e il nome “Palmiro” attribuitogli da un padre imprevidente.

CHI CALPESTA CON TANTA DISINVOLTURA ACCORDI APPENA SOTTOSCRITTI PER PIEGARSI ALLE SPERIMENTAZIONI DELLE SEGRETERIE ROMANE INDIFFERENTI AGLI INTERESSI DELLE NOSTRE POPOLAZIONI, NON PUO’ ESSERE INTERLOCUTORE AFFIDABILE PER LE MARCHE E I MARCHIGIANI.

LA SINISTRA E’ IN CAMPO UNITA CON UNA PROPOSTA ALTERNATIVA SERIA, DI CONTINUITA’ E SVILUPPO DEL BUON GOVERNO E GARANZIA DEGLI IMPEGNI SOTTOSCRITTI IL 21 DICEMBRE.

COMUNISTI ITALIANI E RIFONDAZIONE COMUNISTA, INSIEME NELLA NUOVA FEDERAZIONE DELLA SINISTRA, E SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’

CANDIDIAMO  MASSIMO ROSSI, GIA’ SINDACO DI GROTTAMMARE E PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI ASCOLI, PERSONA CAPACE, SERIA ED AFFIDABILE,  A PRESIDENTE DELLA REGIONE MARCHE.

PER LA DIGNITA’ DELLE MARCHE, CALPESTATA DAI  MANEGGI DEI BUROCRATI,

PER LA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA,

PER UNA PIU’ FORTE ATTENZIONE AL LAVORO E ALL’AMBIENTE,  ALLA DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA E ALLA TUTELA DEI BENI DI TUTTI.

LA PAROLA E’ AI MARCHIGIANI

<!--enpts-->simbolo-fed.jpg<!--enpte-->         <!--enpts-->rossi.jpg<!--enpte-->