PDCI-Ancona

il Blog dei comunisti italiani, sezione “Tina Modotti”

Archivi per Novembre, 2010

PER L’ACQUA E I SERVIZI PUBBLICI: 3 E 4 DICEMBRE DUE IMPORTANTI INIZIATIVE AD ANCONA

Lunedì, Novembre 29th, 2010

<!--enpts-->acqua_rifiuti_bassa_ris.jpg<!--enpte-->

ANCONA 2010 DUE IMPORTANTI INIZIATIVE PER L’ACQUA E I SERVIZI PUBBLICI  A CUI PARTECIPARE:

1.  VENERDI 3 DICEMBRE  ORE 17,30  SALA DEL CONSIGLIO COMUNALE INCONTRO DIBATTITO SU “ACQUA E RIFIUTI: GESTIONE PUBBLICA NELL’INTERESSE DEI CITTADINI“.  L’INIZIATIVA è del PdCI che CONFRONTA la propria proposta e della Federazione della Sinistra con esperti, amministratori e cittadini. Intervengono tra gli altri Luca Martinelli redattore di Altraeconomia e autore di L’acqua non è una merce e Giordano Lorefice, Commissione nazionale Ambiente PdCI.

2.  Sabato 4 dicembre  ore 16.00 concentramento al Teatro delle Muse per una manifestazione regionale con corteo, nel quadro della giornata di mobilitazione nazionale in concomitanza con il vertice mondiale sul clima a Cancun. Si richiede un provvedimento di moratoria sulle scadenze previste dal “decreto Ronchi” e sulla soppressione delle Autorità d’ambito territoriali in attesa che si esprima la volontà popolare nel referendum previsto per la primavera 2011.  L’iniziativa è promossa dal Forum marchigiano dei Movimenti per l’acqua bene comune.

Oltre 1 milione e quattrocentomila cittadini hanno sottoscritto i tre quesiti referendari, 45mila nelle Marche,  contro la privatizzazione dei servizi idrici e dell’acqua,  iniziativa a cui iscritti e militanti comunisti hanno contribuito generosamente.

I Comunisti Italiani si battono per la tutela e l’accesso universale all’acqua intesa come bene comune, contro ogni forma di privatizzazione e consegna al mercato di un bene essenziale alla vita. Ugualmente si battono per la tutela e il buon funzionamento degli altri beni e servizi pubblici e sono impegnati in Regione con la Federazione della Sinistra a far approvare una legge che sancisca senza ambiguità la gestione pubblica dell’acqua.

E’ NATA LA FEDERAZIONE DELLA SINISTRA, FORTE SEGNALE DI UNITA’

Martedì, Novembre 23rd, 2010

Il 20-21 Novembre a Roma è nata ufficialmente con il I Congresso la Federazione della sinistra, un segnale forte di unità dopo tante divisioni e che vede insieme i compagni e le compagne del  PdCI e del PRC, di Socialismo 2000 e di Lavoro e Solidarietà.  I lavori  si sono svolti in un buon clima, attento partecipato e costruttivo, con la consapevolezza del grande compito che ci si è assunti e che “non sarà una passeggiata”, come ha avvertito Oliviero Diliberto, che della Fed sarà portavoce per i prossimi mesi.

Il Congresso, aperto da una relazione di Salvi e seguito nei due giorni da una discussione ininterrotta, ha dato una forte spinta all’avanzamento di tre questioni fondamentali all’ordine del giorno, tutte ruotanti attorno alla parola d’ordine del congresso:  l’unità. Da promuovere e ricercarsi su tre diversi piani, avendo chiaro per ciascuno i soggetti e degli obiettivi.

1. L’unità delle forze democratiche per sconfiggere Berlusconi, con la proposta di una grande alleanza di tutte le forze del centro-sinistra, rivolta innanzitutto al PD, chiamato a lasciarsi alle spalle definitivamente l’autosufficienza veltroniana che  spianò l’autostrada al successo della Destra. Per difendere la Costituzione, e con essa i diritti e la dignità delle persone che lavorano. Non si chiedono posti nel governo, ma  impegni concreti e risultati su alcune questioni centrali: lotta al precariato, valorizzazione della scuola pubblica, fisco equo.

2.  L’unità delle forze di sinistra, con la proposta rivolta ai movimenti e alle organizzazioni e in particolare a SEL, di operare in unità d’azione per la difesa del lavoro e  dei beni comuni dagli attacchi del capitale: a partire dall’assunzione  della piattaforma della manifestazione del 16 ottobre dei metalmeccanici, i cui contenuti sono stati riproposti in un disegno di ampio respiro dal segretario della FIOM Landini nel suo intervento non rituale al congresso.

3. L’unità della Federazione della sinistra, e dentro la Federazione  l’unità dei comunisti. “Non sottovalutiamo quello che stiamo facendo – ha detto Claudio Grassi in un intervento che è apparso centrale nel congresso ed è stato molto applaudito.– E’ la prima volta dal 1998 che a sinistra ci si unisce e non ci si divide. Ora occorre consolidare questa unità in due modi: non facendo quello che la Federazione non può fare e cioè un nuovo partito politico, ma valorizzando le diversità che ci sono e lavorando affinchè se ne aggiungano altre”, l’Italia che non si piega è più vasta di quanto si pensi. E al tempo stesso riconoscendo che “non ha più senso che nello stesso soggetto politico ci siano due distinti partiti comunisti. Con i dovuti modi, con i tempi necessari, con le modalità condivise, va avviato il processo di riunificazione”.

Ferrero concludendo dopo Patta e Diliberto gli interventi dei leader  ha insistito sul lavoro da fare per un rilancio del protagonismo sociale, unificare le lotte e ridare fiducia, sconfiggendo il senso di impotenza con cui si cerca di abbattere il morale di chi lotta e valorizzando la dignità,  di cui parlava Di Vittorio, per cui davanti ai padroni non ci si scappella.

E’ solo l’inizio, la rotta è tracciata, dispieghiamo le vele.

Sotto, ns foto del congresso

<!--enpts-->fds-congresso-018.jpg<!--enpte-->   <!--enpts-->fds-congresso-032.jpg<!--enpte-->   <!--enpts-->fds-congresso-040.jpg<!--enpte-->   <!--enpts-->fds-congresso-041.jpg<!--enpte-->

I COMUNISTI E LA SINISTRA

Mercoledì, Novembre 17th, 2010

 Il “Corriere Adriatico” di oggi, mercoledì 17 novembre 2010, pubblica un importante articolo sullo stato attuale e le prospettive de I comunisti e la sinistra, scritto congiuntamente dai compagni Fosco Giannini, della Direzione nazionale del PRC, e Paolo Guerrini, del CC del PdCI.  Lo riproduciamo qui sotto.

<!--enpts-->studenti-17-11-10-086.jpg<!--enpte-->              <!--enpts-->studenti-17-11-10-087.jpg<!--enpte-->

MANIFESTAZIONE DEGLI STUDENTI AD ANCONA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

Mercoledì, Novembre 17th, 2010

Piena  solidarietà dei comunisti italiani e della federazione della sinistra alla lotta per il diritto allo studio degli studenti marchigiani, che oggi hanno dato vita ad una grande e combattiva manifestazione per le strade di Ancona, contro i tagli del governo Berlusconi e per l’erogazione delle borse di studio a tutti gli aventi diritto, per misure di sostegno alla scuola pubblica e alla ricerca.

Migliaia di studenti universitari e medi, a cui si sono unite folte rappresentanze di lavoratori,  giovani della Cgil e il sindacato della scuola, e a cui ha partecipato una delegazione del PdCI coi segretari Giacomini e Formica, hanno sfilato con striscioni e bandiere da piazza d’Armi al palazzo della Regione passando e fischiando davanti all’ex Provveditorato, a sostegno delle proprie rivendicazioni.

E’ uno scandalo la politica del governo  che taglia drasticamente le borse di studio universitarie e raddoppia con la legge di stabilità in discussione in parlamento i fondi alle scuole private, in spregio alla Costituzione che vieta oneri dello Stato.

Ma anche la Regione ha le sue responsabilità, in quanto dirotta anch’essa risorse pubbliche sulle scuole private; e mentre taglia per risparmio la rappresentanza studentesca nell’Ente regionale per il diritto allo studio (ERSU) vi mantiene quattro dirigenze.

Occorre che il governo regionale non si limiti alle promesse,  ma attui interventi adeguati a sostegno dell’Università e della scuola pubblica, sapendo che altri sono i “lussi” di cui si può fare a meno.  

Nelle foto della ns redazione, momenti della manifestazione

 <!--enpts-->studenti-17-11-10-013.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->studenti-17-11-10-018.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->studenti-17-11-10-027.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->studenti-17-11-10-053.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->studenti-17-11-10-060.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->studenti-17-11-10-069.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->studenti-17-11-10-078.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->studenti-17-11-10-039.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->studenti-17-11-10-031.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->studenti-17-11-10-026.jpg<!--enpte-->


LE CONCLUSIONI DEL I CONGRESSO TERRITORIALE DI ANCONA DELLA FEDERAZIONE DELLA SINISTRA

Lunedì, Novembre 15th, 2010

<!--enpts-->congresso-fds13-11-10-024.jpg<!--enpte-->    <!--enpts-->congresso-fds13-11-10-017.jpg<!--enpte--> Il congresso svoltosi sabato 13 novembre in Ancona della Federazione della Sinistra rappresenta un solido punto di partenza per un processo condiviso di ricomposizione unitaria delle forze della sinistra, per affrontare più forti assieme ai lavoratori lo scontro sociale derivante dalla più grave crisi del capitalismo dal 1929. Leggi tutto il post »

ANCONA: 1° CONGRESSO TERRITORIALE DELLA FEDERAZIONE DELLA SINISTRA

Mercoledì, Novembre 10th, 2010

<!--enpts-->manifcongr_federazione_ancona.JPG<!--enpte-->

E’ convocato per Sabato 13 novembre 2010 con inizio alle ore 15.00,  presso la sede PRC di via Macerata, il  Congresso Territoriale di Ancona della Federazione della Sinistra.

Al congresso partecipano con diritto di voto i compagni e le compagne facenti parte della Federazione della Sinistra, quali iscritti ai partiti e associazioni promotrici e cioè:

Partito della Rifondazione Comunista,

Partito dei Comunisti Italiani,

Associazione Socialismo 2000,

Associazione Lavoro – Solidarietà.

Ci si può iscrivere anche durante i lavori e  direttamente alla Federazione. Il congresso è  aperto ai cittadini interessati.

Al Congresso di Ancona partecipa in rappresentanza del Coordinamento politico nazionale l’ex capogruppo dei comunisti italiani alla Camera Pino Sgobio. Leggi tutto il post »

LA CONDANNA DEGLI USA DA PARTE DELL’ONU PER L’EMBARGO A CUBA IGNORATA DALLA FAZIOSITA’ DEI MEDIA: LO DENUNCIA L’ASSOCIAZIONE ITALIA - CUBA

Domenica, Novembre 7th, 2010

Con 187 voti favorevoli, 2 contrari (Usa e Israele) e 3 astenuti, l’Assemblea Generale dell’ONU ha approvato il 26 ottobre 2010 una risoluzione di condanna dell’infame embargo che gli USA continuano a mantenere contro lo stato e il popolo di Cuba. I media in Italia hanno completamente ignorato la notizia, considerata poco funzionale alla campagna di continua pretestuosa denigrazione del paese socialista centro-americano.  Analogamente gli stessi media che giustificano ogni giorno guerre e crimini che si compiono nel mondo in nome della “lotta al terrorismo”, non si preoccupa che cinque cittadini cubani, per essere  riusciti a smascherare terroristi di Miami colpevoli di aver fatto esplodere aerei in volo con l’uccisione anche di un cittadino italiano, sono per questo da anni illegalmente  detenuti in un carcere degli Stati Uniti.

Una vibrata denuncia, a cui pienamente ci associamo, di questa sfacciata faziosità viene dal X Congresso nazionale dell’Associazione Italia-Cuba, tenuto a Milano dal 30 ottobre al 1 novembre scorsi, di cui pubblichiamo il documento conclusivo.

DOCUMENTO POLITICO CONCLUSIVO DEL X CONGRESSO DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI AMICIZIA ITALIA-CUBA

Il X Congresso Nazionale dell’Associazione di Amicizia Italia-Cuba, riunito a Milano il 30-31 ottobre e 1° novembre 2010 ritiene necessario contrastare la campagna denigratoria contro Cuba sulle vicende del cosiddetto “dissenso” e sui provvedimenti relativi al riassetto dell’economia cubana. Allo stesso tempo denuncia il silenzio sulla condanna del blocco e sul perdurare dell’illegale detenzione dei Cinque patrioti cubani, nonostante  la condanna con sentenza del 27 maggio 2005 del Gruppo di Lavoro delle Nazioni Unite sulle Detenzioni Arbitrarie. Leggi tutto il post »

REGIONE MARCHE: PASSO INDIETRO DELLA GIUNTA SULLA PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA

Mercoledì, Novembre 3rd, 2010

Era inserita tra le pieghe della legge di assestamento del bilancio, la norma per aprire la strada alla privatizzazione della gestione del servizio idrico locale nelle Marche.

L’art. 38 della Proposta di legge  42/2010 della Giunta Regionale, a maggioranza centrista PD-UDC-IDV,  in una formulazione ambigua, aveva lo scopo, esplicitato nella relazione illustrativa allegata dalla stessa Giunta, “di permettere, in modo non traumatico, il passaggio della gestione dei servizi pubblici locali a soggetti privati o a società miste il cui socio privato sia individuato mediante procedure di evidenzia pubblica.”

Il passaggio in sordina non è però riuscito per la vigilanza degli attivisti dei Comitati per l’acqua, protagonisti della raccolta di firme per il referendum, tra cui in prima fila in Ancona il compagno Michele Cecchi, e degli esponenti del PRC e PdCI Raffele Bucciarelli, capogruppo in consiglio regionale della Federazione della Sinistra, e Massimo Rossi, già candidato presidente della opposizione di sinistra, che si sono prontamente attivati chiamando alla mobilitazione.  

Le decine di manifestanti che questa mattina hanno portato la protesta davanti all’Assemblea Regionale,  si sono fatti  portavoce dell’indignazione  sollevatasi tra i cittadini delle Marche.

Di qui il passo indietro della maggioranza, che ha portato alla radicale modifica del famigerato art.38,  dopo un tentativo nervoso di difesa del testo da parte dell’assessore Marcolini in un incontro  teso con una delegazione dei manifestanti.

Così la pronta mobilitazione dei Comitati dell’acqua e della sinistra, comunisti in testa,  ha stoppato il tentativo dei privatizzatori, inducendo anche l’IDV a svegliarsi e  a concordare un testo  per togliere l‘acqua dai beni e servizi di carattere economico, rendendola indisponibile al mercato.

Sarà bene tuttavia non abbassare la guardia e vigilare perché  la legge  che il Consiglio regionale si è impegnato ad approvare  per sancire e regolamentare il servizio pubblico dell’acqua arrivi in porto entro un mese come ci si è impegnati e senza trucchi e ambiguità!

 

Nelle foto alcuni particolari della manifestazione  e l’incontro della delegazione con l’assessore Marcolini

       <!--enpts-->acqua3-11-10-008.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->acqua3-11-10-011.jpg<!--enpte-->     <!--enpts-->acqua3-11-10-015.jpg<!--enpte-->      <!--enpts-->acqua3-11-10-017.jpg<!--enpte--><!--enpts-->acqua3-11-10-016.jpg<!--enpte--><!--enpts-->acqua3-11-10-025.jpg<!--enpte-->