PDCI-Ancona

il Blog dei comunisti italiani, sezione “Tina Modotti”

Archivi per Novembre, 2012

“Contro Monti e il liberismo, per Vendola alle primarie”

Venerdì, Novembre 23rd, 2012

L’“antipolitica” contiene in sé il massimo condensato di spirito reazionario. Ma essa si costituisce, nell’essenza, attraverso la rimozione della questione sociale da parte della “politica”. Non vi è paragone tra l’amplificazione del “discorso” sulla legge elettorale e il silenzio sulla questione salariale, su quella della povertà di massa, sulla disoccupazione. La distruzione dello stato sociale, la precarizzazione quale nuovo e drammatico modello capitalistico dell’occupazione, l’impossibilità di vivere – per i salariati e gli stipendiati – oltre la seconda settimana del mese: tutto ciò è il prodotto degli ordini dettati dall’Unione europea ai governi europei, a quelli italiani. Il governo Berlusconi aveva già disseminato, in egual misura, sia una grande sofferenza sociale di massa che una sfrenata e pecoreccia allegria tra le proprie fila. Il governo Monti, cambiando il costume da Joker di Berlusconi con uno smoking, ha alzato con ancora più vigore l’ascia antisociale sui lavoratori e sull’ormai vastissimo popolo dei poveri, dei senzapresente e dei senzafuturo. Per cambiare lo stato presente delle cose, per formulare una risposta all’altezza del dramma sociale italiano

Leggi tutto il post »

FERMARE IL MASSACRO, PALESTINA INDIPENDENTE E LIBERA SUBITO

Mercoledì, Novembre 21st, 2012

Corteo, fiaccolata, sit-in hanno animato martedì pomeriggio il centro di Ancona, da piazza Roma al piazzale della Repubblica antistante le Muse per esprimere solidarietà al popolo palestinese rinchiuso nella prigione a cielo aperto di Gaza, martoriato dalle bombe israeliane.

La combattiva e partecipata manifestazione, in cui sono confluite insieme l’iniziativa della sezione Tina Modotti del Partito dei Comunisti Italiani e l’Ambasciata dei diritti di Ancona,  è stata scandita dalle parole d’ordine: basta bombe su Gaza, si fermi la macchina bellica israeliana,  Palestina indipendente e libera subito.

Si è denunciata l’indifferenza complice dei governi e le distorsioni prevalenti dell’informazione, si è richiesto il deferimento al tribunale internazionale dell’Aja del capo del governo israeliano Netanyahu per genocidio e crimini contro l’umanità, e che il governo italiano voti  il prossimo 29 novembre all’ONU per il riconoscimento dell’indipendenza dello Stato di Palestina.

<!--enpts-->20-11-12-010.JPG<!--enpte--> <!--enpts-->20-11-12-013.JPG<!--enpte-->  <!--enpts-->20-11-12-015.JPG<!--enpte-->  <!--enpts-->20-11-12-016.JPG<!--enpte-->  <!--enpts-->20-11-12-019.JPG<!--enpte-->  <!--enpts-->20-11-12-024.JPG<!--enpte--> <!--enpts-->20-11-12-027.JPG<!--enpte-->  <!--enpts-->20-11-12-033.JPG<!--enpte--> <!--enpts-->20-11-12-044.JPG<!--enpte-->  <!--enpts-->20-11-12-046.JPG<!--enpte-->

BASTA BOMBE SU GAZA!

Lunedì, Novembre 19th, 2012

 Invitiamo tutti a partecipare in solidarietà col popolo  palestinese.     

 Martedì 20 novembre ore 17,30 Ancona piazza Roma SIT-IN -  fiaccolata

Bombe israeliane continuano a cadere sui palestinesi di Gaza nell’indifferenza dei governi e nelle distorsioni dei media su quanto sta accadendo e sulle responsabilità.

La destra che governa Israele fuori da ogni legalità internazionale si attribuisce il diritto di vita e di morte sui palestinesi, a cui da decenni si nega tutto: il diritto a studiare e curarsi, il diritto a uno stato, alla libertà e al futuro.

Davanti a ingiustizie così grandi non si può restare indifferenti o equidistanti, voltarsi dall’altra parte e far finta di nulla è complicità.

Manifestiamo

- perché si arresti la macchina bellica israeliana,

- si ponga fine al  massacro della popolazione civile di Gaza,

- si metta sotto accusa il capo del governo israeliano Netanyahu per crimini contro l’umanità,

- il governo italiano si pronunci il prossimo 29 novembre all’ONU per il riconoscimento dello Stato di Palestina.

<!--enpts-->palestina-libera.jpg<!--enpte-->

con-i-palestinesi.pdf

LA MANIFESTAZIONE ADANCONA NEL GIORNO DELLO SCIOPERO GENERALE

Giovedì, Novembre 15th, 2012

Un corteo combattivo in cui hanno sfilato in tanti, lavoratori e studenti, in occasione della giornata di lotta indetta dalla Confederazione europea dei sindacati per il lavoro e la solidarietà, a cui ha partecipato la Cgil con lo sciopero generale nazionale di 4 ore.

Un primo passo, piccolo ma importante, verso l’unione concreta dei lavoratori europei più che mai necessaria di fronte alla precarietà e alla disoccupazione crescenti, al dominio sempre più aggressivo del capitale finanziario e alle politiche antipopolari che avanzano in ogni paese europeo. Importante anche il segnale internazionalista  dal palco con l’intervento di  una lavoratrice spagnola.

Da deplorare l’assenteismo dei sindacati sempre più corporativi e governativi Cisl e Uil.

Di seguito al corteo dei lavoratori hanno sfilato molti studenti e giovani dei centri sociali, con specifiche rivendicazioni e modalità  di lotta,  tra cui il lancio di uova piene di colori agli ingressi delle banche, simboli terminali di quella finanza che si sta divorando il loro futuro.

<!--enpts-->14-11-12-002.JPG<!--enpte-->  <!--enpts-->14-11-12-003.JPG<!--enpte-->  <!--enpts-->14-11-12-005.JPG<!--enpte-->

RICORDATA AD ANCONA LA RIVOLUZIONE D’OTTOBRE

Domenica, Novembre 11th, 2012

Non si possono “evitare gli scacchi e gli errori in un’impresa nuova, nuova per tutta la storia del mondo…  ma abbiamo il diritto di esser fieri — e siamo fieri — che ci sia toccata la fortuna d’incominciare la costruzione dello Stato sovietico, d’iniziare perciò una nuova epoca della storia mondiale…”

Così Lenin celebrava nel novembre 1921 il 4° anniversario della rivoluzione d’ottobre, mentre  il potere sovietico si lasciava alle spalle il comunismo di guerra per sperimentare la nuova politica economica.

Come a suo tempo la rivoluzione francese, la più grande rivoluzione sociale della borghesia, fu seguita dalla restaurazione, così anche la rivoluzione russa, la più  grande rivoluzione sociale del proletariato, ha visto dopo un settantennio  la restaurazione del capitalismo.

Ma l’impulso poderoso dato alla storia del mondo dalla rivoluzione francese prima e dalla rivoluzione d’ottobre poi non può esser cancellato e continua ad operare. L’”esperimento profano” del socialismo continua in altri modi in altri paesi,  la storia va avanti, gli ideali e l’esperienza della rivoluzione d’ottobre orientano e ispirano tuttora lotte rivoluzionarie, di progresso e di liberazione in ogni parte del mondo.

La sezione PdCI  “Tina Modotti” di Ancona  ha celebrato il 7 novembre  il 95° anniversario con una “lezione” del compagno  Ruggero Giacomini sul  “perché vinse e in che cosa è attuale la rivoluzione d’ottobre”,  in cui i temi del partito comunista come organizzatore della rivoluzione e della costruzione socialiste, delle alleanze e della capacità di utilizzo dei contrasti interni al nemico di classe, hanno parlato della storia ma anche dell’oggi.

Nella marea della pubblicistica di anticomunisti tradizionali e neofiti,  ansiosi soprattutto questi ultimi di  confermare a se stessi la scelta della servitù volontaria al sistema del dominio capitalistico celebrandone il trionfo, è stato rilevato il valore per gli spunti di critica e riflessione non banale del libretto che Rita di Leo ha dedicato appunto all’”esperimento profano”  con cui qualifica  i settant’anni di storia sovietica. Un esperimento che come la studiosa evidenzia  non può essere frettolosamente archiviato, e che prosegue per altre vie, come dimostra il caso cinese, di cui si coglie il successo ma “pudicamente si sorvola sul fatto che l’autore del successo è il partito comunista al governo coi suoi piani quinquennali”. E altre sperimentazioni sono in campo, in Asia col Vietnam e la Corea del Nord, e in America latina con Cuba e il Venezuela di Chavez, ognuna con le sue peculiarità ma con indirizzi per molti aspetti comuni.

L’incontro  si è concluso con un festoso brindisi al ricordo del grande Ottobre e alle rivoluzioni e alle lotte di oggi.

<!--enpts-->07112012.JPG<!--enpte-->  <!--enpts-->07112012-2.JPG<!--enpte-->