PDCI-Ancona

il Blog dei comunisti italiani, sezione “Tina Modotti”

OBIETTIVO DELL’ ANTIRIFORMA COSTITUZIONALE RENZIANA: IL PIENO DISPIEGAMENTO DELLE POLITICHE ANTIPOPOLARI

Una bella giornata quella di sabato 12 novembre al circolo “Germontari” delle Grazie. Prima un incontro pubblico molto partecipato su “JOBS ACT E COSTITUZIONE. LE RIFORME DI RENZI CONTRO I LAVORATORI”.  Quindi una cena insieme  di una settantina di compagni che ha permesso di passare una serata  in allegria e sostenere la Sezione da poco costituita del Partito Comunista Italiano.

In apertura il Segretario Ruggero Giacomini ha illustrato le ragioni del partito e i suoi obiettivi e i motivi che fanno ritenere che con la costituzione del PCI si stia uscendo dalla crisi che da oltre un quarto di secolo travaglia il comunismo italiano.

PIERGIOVANNI ALLEVA, esperto di diritto del lavoro,  capogruppo de “L’Altra Emilia” al  Consiglio regionale dell’Emilia-Romagna, e soprattutto membro della Segreteria nazionale  del PCI, ha spiegato con argomentazione analitica  l’enorme truffa-regalo rappresentata dalla riforma renziana  del Jobs Act per i capitalisti che dovevano regolarizzare la posizione dei dipendenti che da tempo lavoravano e avevano diritto all’assunzione a tempo indeterminato, che sono stati sanati e  gratificati della possibilità di “regolarizzare”  senza pagare i contributi, dopo di che invece dei contratti a tempo indeterminato si sono impennai i voucher ed è dilagato il precariato giovanile.   Il Jobs Act, come la “buona scuola”, come la spinta alla privatizzazione nella sanità: sono le “riforme di Renzi” già attuate, che chiariscono l’obiettivo più generale della riforma costituzionale. E cioè rimuovere gli ostacoli giuridici e  istituzionali al pieno dispiegamento di una politica antipopolare, di svendita del patrimonio pubblico e di attacco alle pensioni in essere. E’ quello che spiega l’entusiasmo per il SI dichiarato da tutte le agenzie di speculazione finanziaria che operano in Italia.

Su ciò si è soffermato anche l’avvocato e neo docente ordinario di diritto del lavoro all’Università di Ancona Antonio Di Stasi, coordinatore del Comitato cittadino per il NO al referendum. L’iniziativa è stata ripresa  dal compagno Carlo Cardarelli e postata su youtube dove è possibile ri/vederla integralmente, al seguente indirizzo:

https://www.youtube.com/watch?v=RjNZYAvLzWY

<!--enpts-->foto-di-stasi-alleva.jpg<!--enpte-->  <!--enpts-->img_5877-2.jpg<!--enpte-->

RSS 2.0 . Commenti . Trackback

Lascia una Risposta

Tu devi essere Registrato tper lasciare un commento.